Titolo

Richiesta di risarcimento danni in caso di incidenti stradali



La richiesta di risarcimento dei danni subiti in conseguenza della circolazione stradale, deve avvenire tramite lettera raccomandata con ricevuta di ritorno inviata, ai sensi dell’art. 22 della fondamentale legge n. 990/1969, all’assicuratore del responsabile, presso l’ufficio incaricato della liquidazione dei sinistri nel luogo di domicilio del danneggiato o presso la sede legale dell’assicurazione. 
Nella raccomandata con la quale si chiedono i danni, è assolutamente necessario indicare: 
1. il luogo del sinistro; 
2. il giorno e l’ora del sinistro; 
4. i veicoli (è importante indicare i numeri delle targhe) e le persone coinvolte; 
5. la descrizione della dinamica del sinistro e dei danni subiti dai mezzi; 
6. i testimoni presenti al fatto; 
7. le Autorità intervenute sul luogo dell’incidente; 
8. il luogo i giorni e le ore in cui il mezzo danneggiato è a disposizione del perito dell’assicurazione per l’accertamento dell’entità del danno (almeno otto giorni non festivi che decorrono dal ricevimento della raccomandata; le ore devono essere quelle lavorative); 
9. dati anagrafici, età, attività lavorativa, reddito, estremi di un documento d’identità, codice fiscale ed entità delle lesioni subite dal danneggiato; 
10. attestazione medica di avvenuta guarigione dell’infortunato con o senza postumi permanenti (certificato di morte in caso di decesso). 
In caso di lesioni, con la raccomandata con la quale si chiedono i danni, dovranno essere allegati i certificati medici (preferibilmente in fotocopia). 
Dalla ricezione di tutta la documentazione e le informazioni sopra elencate, decorre il termine di 90 giorni entro il quale l’assicurazione deve formulare o una congrua offerta o notificare al danneggiato/agli aventi diritto, le ragioni per le quali ritiene di non effettuare alcuna offerta risarcitoria. 
Il termine di 90 giorni non decorre, se la richiesta risarcitoria è incompleta. Il termine decorrerà dal momento in cui l’assicurazione riceverà i documenti o le informazioni mancanti. 
Il danneggiato deve sottoporsi agli accertamenti disposti dall’assicurazione, strettamente necessari per la valutazione del danno alla salute. 
Dopo l’offerta, l’assicurazione deve pagare il danno entro 15 giorni dall’accettazione o dal rifiuto. In quest’ultimo caso, il pagamento effettuato dall’assicurazione avviene a titolo d’acconto. Analogamente nell’ipotesi in cui il danneggiato non dovesse risponde all’offerta (in questo caso, però, il pagamento potrà avvenire entro 30 giorni). 
L’azione legale per il risarcimento dei danni causati da veicoli o natanti soggetti all’obbligo assicurativo non può essere validamente intrapresa, se non sono decorsi almeno 60 giorni dal ricevimento della raccomandata con la richiesta di risarcimento dei danni, da parte dell’assicurazione.