Titolo

Polizza Vita



I tipi di polizze che rientrano in questa categoria sono molteplici e il loro contenuto è abbastanza complesso. 
In ogni caso, firmata la polizza e pagato il premio, l’assicurato ha diritto di recedere, se la durata del contratto supera i 6 mesi, e può farlo entro 30 giorni; le modalità per esercitare questo diritto possono essere diverse da una compagnia ad un’altra ed occorre quindi consultare attentamente il contratto. 
Una volta esercitato il diritto di recesso, la compagnia sarà tenuta a restituire entro 30 giorni successivi quanto percepito a titolo di acconti o di premi, detratte le spese, le imposte versate all’erario e una cifra pari al pagamento del rischio corso nel periodo che va dalla firma del contratto all’esercizio del diritto di recesso. 
Se si decide di non proseguire nel contratto, come già detto non basta smettere di versare il premio, per questo tipo di assicurazioni si può scegliere tra due soluzioni: la riduzione e il riscatto. 
La riduzione può essere richiesta dopo aver pagato almeno tre annualità di premio e ha lo scopo di tenere in vigore la polizza ma al valore ridotto. La compagnia assicurative è comunque tenuta ad informare annualmente l’assicurato sul valore del capitale ridotto. 
Anche il riscatto può essere richiesto dopo aver pagato almeno tre annualità di premio; il valore del riscatto nei primi anni della polizza è però addirittura inferiore al totale dei premi versati, inoltre chiedendo il riscatto prima che siano state pagate cinque annualità di premi, bisognerà restituire al fisco le detrazioni godute negli anni precedenti. 
Ad ogni modo, alla scadenza del contratto, l’assicuratore è tenuto a corrispondere il capitale o la rendita, detratta la somma che andrà versata a titolo di imposte. E’ preferibile che vi sia un’apposita richiesta scritta in tal senso da parte dell’assicurato.